Cenni sulla ludoteca territoriale

Le attività che si svolgono in una ludoteca territoriale sono:

IL GIOCO LIBERO ED ORGANIZZATO

Il vero gioco è libero o liberamente scelto con altri compagni. Con il gioco libero e organizzato viene offerta ai bambini la possibilità di fare delle esperienze di gioco, di esprimere liberamente la loro fantasia creativa e socializzante. La filosofia di fondo della ludoteca mira infatti a rendere il bambino soggetto protagonista di tutte le attività atte a potenziare l′autonomia personale, l′autostima e i rapporti interpersonali spontanei. Il bambino che frequenta la ludoteca sceglie da se i suoi compagni di gioco, i giochi cui dedicarsi, i tempi da impiegare, lo spazio da occupare, i materiali utili.

IL PRESTITO DEI GIOCATTOLI

Attraverso il prestito vengono superati gli ostacoli di natura economico-sociale che possono limitare l′accesso di alcuni bambini alle risorse ludiche. Il prestito rappresenta pertanto una delle attività principali della ludoteca. Il bambino che usufruisce del servizio sceglie liberamente il giocattolo che vuole portarsi a casa e, come in una biblioteca, definisce con il ludotecario e in base al regolamento della ludoteca il termine entro il quale lo restituirà, avendo cura di mantenerlo integro. L′azione educativa che viene promossa attraverso il prestito è riferita innanzitutto:

  • al diritto al gioco per tutti i bambini, indipendentemente dall′estrazione sociale e culturale;
  • alla diffusione e fruizione di certi giocattoli, opportunamente scelti;
  • al rispetto del giocattolo avuto in prestito.

Molte altre sono le implicazioni riferite all′attività in prestito, che vanno dalla capacità di progettare il tempo di gioco, all′aggregazione con i coetanei e al rispetto delle regole (tempi e modalità per la restituzione).

IL LABORATORIO CREATIVO

Riteniamo di fondamentale importanza la possibilità di soddisfare i bisogni ludici dei bambini anche, e soprattutto, favorendo le attività di costruzione, che presuppongono l′uso creativo della manualità. In passato questa era una cosa che i bambini, avendo più contatti liberi con l′esterno, avevano più occasione di fare. Ora che vivono principalmente negli appartamenti, conoscono a malapena gli elementi della natura ed i materiali con i quali tempo addietro si costruivano e inventavano i giocattoli.

Il laboratorio della ludoteca non vuole fornire un ulteriore contributo di insegnamento, ma ha invece la precisa funzione di incuriosire, sollecitare, stimolare, stupire, dando l′opportunità ai bambini di imbattersi nei materiali più svariati (naturali, da recupero, plastiche, legni, carte, stoffe, ecc.) in piena libertà e autonomia, garantendo nel contempo un certo livello di sicurezza e di gratificazione.L′atteggiamento del ludotecario è pertanto di assoluto rispetto nei confronti dei bambini che lavorano (giocano) nel laboratorio. Se si tiene conto del risultato ottenuto, è solo in termini di sviluppo della creatività, socializzazione, rispetto delle regole. Inoltre, i prodotti realizzati sono, per quanto possibile, esposti e utilizzati anche da altri bambini, oppure possono essere portati a casa: l’importante è che sia il bambino a deciderlo.

Oltre a queste attività fondamentali, la ludoteca può essere teatro di:

  • gestione di rapporti con le scuole;
  • attività all′aperto;
  • ricerca e lo studio di tradizioni popolari;
  • inserimento di bambini con handicap;
  • attività di animazione estiva nei quartieri;
  • centro di recupero di giocattoli usati;
  • ideazione e la partecipazione a feste cittadine;
  • gemellaggio con altre ludoteche;
  • conoscenza e uso di nuove tecnologie;
  • biblioteca e laboratorio del libro;
  • consulenza ai genitori;
  • studi, mostre e convegni sui giochi e sui giocattoli;
  • osservatorio del disagio minorile
  • educazione all’intercultura
  • laboratori sull’ambiente e l’ecologia
  • Laboratori tematici come: maschere, animazione teatrale, marionette, laboratorio delle fiabe, laboratorio della musica, mimo, laboratorio del circo e giocoleria, cinema per i piccoli, ecc.

Il gruppo dei bambini che frequenta abitualmente la ludoteca risulta estremamente eterogeneo in ordine di età, provenienza ed estrazione sociale. I ludotecari sono pertanto delle persone opportunamente formate al compito con grande capacità di ascolto e disponibilità a saper cogliere volta per volta le effettive esigenze dei bambini, per offrire un servizio che sia realmente aderente loro alle necessità.

Oltre ad essere in stretto contatto con le altre ludoteche del territorio, vengono formati per saper accogliere i timori e i dubbi dei genitori al momento dell’inserimento allo spazio gioco e al primo arrivo in ludoteca, saper comunicare e collaborare, saper coinvolgere le famiglie nell’organizzazione delle attività e delle feste, stimolandone la partecipazione attiva.

}